Archivio Tag: autobus

Campagna primarie in bus. Diamo buon esempio a cittadini

“Bisogna osservare la città con gli occhi dei cittadini e non con quelli dei politici con la puzza sotto il naso. Per tutta la campagna elettorale, come ogni giorno, continuerò a girare in bus e metro, perché solo così si può toccare con mano la realtà”. È quanto afferma Stefano Pedica del PD, candidato alle primarie del centrosinistra a Roma.
“In tutti i paesi europei gli amministratori locali vanno a lavoro utilizzando i mezzi pubblici per restare a contatto con la realtà e per vedere cosa funziona e cosa non funziona – sottolinea Pedica -. In questi giorni sto incontrando tante persone che chiedono di avere un contatto diretto con i loro amministratori. Per questo, dico che chi ambisce a fare l’assessore o il consigliere deve essere sempre presente sul territorio, deve diventare il vero punto di riferimento dei cittadini e non un semplice rappresentante di facciata. Ogni documento dovrà essere pubblico, come le spese sostenute per ogni tipo di lavoro. Il mio progetto e’ quello di un modello Roma della democrazia partecipata e diretta”.

Esposto alla Corte dei Conti e Procura sugli sprechi del passato

Da oggi parte il giro degli sprechi, un tour nei Municipi della Capitale per toccare con mano la realtà e capire quanti soldi pubblici sono stati buttati durante gli ultimi 15 anni. Oggi ho visitato il Municipio XIII ex XVIII, dove in pochi chilometri gli sprechi ammontano a 60 milioni. C’è infatti un parcheggio vicino alla metro Cornelia mai utilizzato, perché inagibile per l’altezza in entrata, e costato 50 milioni di euro, e l’Auditorium della Pineta Sacchetti, ancora inagibile e abbandonato e costato alla comunità 5 milioni, con bollette della luce di 7500 euro a bimestre”. E’ quanto afferma Stefano Pedica del PD, candidato alle primarie del centrosinistra a Roma.

“C’è poi il mercato di via Urbano II che blocca una via dalle 4 della mattina fino alle 17 da 40 anni, sei giorni su sette – continua -. Insomma, elencherò con i fatti tutti gli sprechi e li porterò alla Corte dei conti e alla Procura per capire chi ha sbagliato e chi ci ha mangiato sopra. C’è chi tra i miei colleghi candidati tace sugli sprechi, considera degli spot parlare di legalità, ma ha nei comitati capi corrente di truppe cammellate. Io farò nome e cognome di chi era assessore al Comune e nei Municipi e di chi era Sindaco o presidente del Municipio”.